50€ IN BUONO AMAZON O 100 ORDINI GRATUITI: Apri il conto Fineco, hai il canone gratuito per un anno (Regolamento)
e puoi ricevere un bonus a scelta (Regolamento). Inizia ora

Mini menu

Dichiarazione di accessibilità

FinecoBank si impegna a rendere i propri siti e le proprie applicazioni accessibili, conformemente alla legge 9 gennaio 2004, n.4.

La presente dichiarazione di accessibilità si applica a “App Fineco IOS”

Stato di conformità

Questa applicazione è parzialmente conforme ai requisiti previsti dall’allegato A alla norma UNI EN 301549:2018 (WCAG 2.1) in ragione dei casi di non conformità e/o delle deroghe elencate di seguito.

Contenuti non accessibili

I contenuti di seguito elencati non sono accessibili per inosservanza della Legge 4/2004.

Per redigere la presente Dichiarazione di Accessibilità abbiamo preso in considerazione lo standard WCAG 2.1 e collaborato con persone con differenti disabilità che hanno testato l’app.Si sono servite di tecnologie assistive e funzioni dedicate sui dispositivi iOS, come ad esempio screen reader VoiceOver, strumento utilizzato per la fruizione di lettura vocale per persone cieche, ipovedenti o con DSA (dislessia).

I risultati dei test mostrano che pagine e funzioni di questa applicazione sono parzialmente accessibili. Infatti, alcuni utenti potrebbero incontrare difficoltà nel completamento di alcune operazioni o nella fruizione di alcuni contenuti.

In presenza di tabelle che riportano le performance degli indici o dei singoli titoli, l’ordine di lettura degli elementi di VoiceOver, lo screen reader presente sui dispositivi IOS, non corrisponde all’ordine logico-visivo in cui sono disposti gli elementi. Questo rende l’accesso alle informazioni difficoltoso per gli utenti ciechi e ipovedenti. Lo stesso succede nel pannello “Conto” con l’infografica contenente l’overview del patrimonio.

In “Calendario economico”, l’icona informazioni apre una card che non interagisce correttamente con le tecnologie assistive, richiedendo il riavvio dell’app per proseguire la navigazione.

Inoltre, la navigazione tramite screen reader può risultare difficoltosa, in quanto alcuni elementi non sono identificati correttamente dallo screen reader. Ad esempio, in fase di log-in,nome utente e password non sono identificati come campi di input, e nel pannello “Menù” alcune opzioni non sono identificate come cliccabili.

Alcuni elementi dell’interfaccia sono privi di etichette. Per questo, alcune interazioni specifiche potrebbero risultare difficili per gli utenti che si servono di tecnologie assistive. Ad esempio, nelle sezioni “Money Map” e “Entrate e spese”, potrebbe risultare difficoltosa la selezione del mese. Anche alcuni bottoni per la navigazione e i filtri sono privi di etichette. Tramite screen reader è inoltre difficile l’utilizzo della funzione di conversione del denaro.

Salvo alcune eccezioni, l’applicazione soddisfa il requisito del contrasto minimo di colore/luminosità richiesto dagli standard di accessibilità.

Il testo alternativo che rende accessibili gli elementi grafici alle tecnologie assistive, in alcuni casi, non è presente oppure è in lingua inglese, Ad esempio, nel pannello “Conto” l’elemento con il simbolo della campana non ha un testo alternativo corretto.

Infine, si segnala che alcuni documenti PDF presenti sull’applicazione, come ad esempio quello nella sezione “Invia denaro”, sono scarsamente leggibili per chi si serve di screen reader, perché con ordine di lettura erroneo, privi di struttura gerarchica (sommario, intestazioni, link interni) e alternative testuali.

Redazione della dichiarazione di accessibilità

La presente dichiarazione è stata redatta il 31/08/2022.

La dichiarazione è stata effettuata mediante valutazione effettuata da terzi.

Modalità di invio delle segnalazioni e recapiti del soggetto erogatore

Gli utenti possono, in qualunque momento, segnalare eventuali problematiche di non accessibilità . Per farlo, possono scrivere direttamente alla mail: helpdesk@finecobank.com

Meccanismo di feedback: finecobank.com/it/online/dichiarazione-di-accessibilita/feedback-accessibilita

Recapito e-mail per le segnalazioni degli utenti: helpdesk@finecobank.com

Modalità di invio delle segnalazioni all’agenzia per l’italia digitale (AGID)

In caso di risposta insoddisfacente o di mancata risposta, nel termine di trenta giorni, alla notifica o alla richiesta, l’interessato può inoltrare una segnalazione utilizzando il seguente link agid.gov.it

Informazioni sull’applicazione mobile

Data della pubblicazione dell’applicazione: 11/07/2022

Sono stati effettuati test di usabilità? Sì

Content Management System (CMS) utilizzato: Sviluppo nativo.

Sistema operativo: IOS

Informazioni sulla struttura

Numero di dipendenti con disabilità presenti nella società: 52

Numero di postazioni di lavoro per dipendenti con disabilità: 1

Pubblico Avviso alla clientela dei Comuni oggetto di ordinanza (v. all'allegato n. 1 al decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 23 febbraio 2020).

A testimonianza dell’attenzione verso la propria Clientela, Fineco ha deciso di intraprendere un’azione a favore dei Clienti che vivono nei Comuni coinvolti dall'emergenza Coronavirus – Covid19.

Fino al 15 aprile 2020 i titolari di mutui Fineco relativi a edifici ubicati nei comuni indicati nel decreto, possono richiedere la sospensione del pagamento delle rate di mutuo fino alla cessazione dello stato di emergenza (dichiarato per un periodo di 6 mesi dalla delibera del Consiglio dei ministri del 31 gennaio 2020).
Tale misura non comporterà alcun costo aggiuntivo né l’applicazione di interessi di mora.

E’ possibile contattare il numero verde 800.52.52.52 per reperire le informazioni necessarie al fine di attivare la sospensione del pagamento delle rate con decorrenza dalla prima rata utile successiva alla richiesta.

Si precisa che la sospensione non costituisce in alcun modo novazione del contratto di mutuo e resta ferma ogni altra modalità, patto, condizione e garanzia di cui al contratto di mutuo, con particolare riferimento alla garanzia ipotecaria.Le rate sospese inizieranno a decorrere al termine del periodo di sospensione con corrispondente allungamento del piano di rimborso per una durata pari al periodo di sospensione stesso, mantenendo la loro attuale periodicità.